Prestiti a Protestati e Cattivi Pagatori

Prestiti a Protestati e Cattivi Pagatori Veloci Online

Stavi cercando informazioni sui prestiti a protestati e cattivi pagatori? Sei sul sito giusto.

Questa da noi creata vuole essere una guida completa ed aggiornata a Febbraio 2021, che analizza questa formula di finanziamento, e chiarisci come ottenere prestiti veloce per protestati e fornire maggiori informazioni possibili sull’argomento.

La continua ricerca di prestiti per protestati è, si comprende facilmente, un percorso lungo e tortuoso, che ostacola l’ottenimento di un nuovo finanziamento a tutti coloro che hanno subito un precedente protesto e desiderano una nuova somma di denaro per poter realizzare i propri progetti di vita.

Stesso identico discorso per i prestiti a cattivi pagatori, ovvero tutti coloro che, per svariati motivi, hanno avuto delle segnalazioni nelle banche dati per problemi con finanziamenti in corso o passati.

Certi che nel mondo dei finanziamenti non bisogna abbattersi alla prima difficoltà: se anche tu hai subito un protesto ma hai necessità di ottenere un finanziamento, nelle righe a seguire troverai certamente tutte le informazioni più utili per poter realizzare i tuoi sogni!

Prestiti ai manifestanti

Cosa sono i prestiti a protestati

Come intuibile, e come suggerisce lo stesso nome,  questa tipologia di finanziamento viene concessi a chi ha subito un protesto. Cercheremo di entrare nello specifico, per cui leggi in pochi minuti l’articolo e se avrai domande da porre, scrivi un commento cosi da permetterci di darti una risposta nel più breve tempo possibile.

Cosa è un protesto

Senza entrare nel dettaglio, possiamo comunque dare una definizione del protesto, ovvero, L’accertamento del mancato pagamento o della mancata accettazione di una cambiale o di un altro titolo di credito, da parte di un notaio o di un ufficiale giudiziario

Se pertanto sottoscrivi una cambiale o emetti un assegno che non riesci a pagare regolarmente, Il creditore consegna il titolo all’ufficiale levatore, che si reca presso il domicilio del debitore per chiederne il pagamento o l’accettazione; a fronte del rifiuto, l’ufficiale procede alla redazione del protesto, rendendo in questo modo esecutivo il titolo, con una serie di conseguenze che riassumiamo di seguito.

Cosa succede se subisci un protesto

Il protesto poiché si è stati inadempienti farà scattare (interessi di mora, possibilità di procedere al pignoramento previo precetto ecc.), ed è proprio questo titolo esecutivo che il creditore potrà usare per procedere nei confronti del debitore.

Nel caso ad esempio di assegno bancario comporterà anche l’applicazione di una sanzione amministrativa a carico del protestato, che potrà essere evitata pagando entro sessanta giorni dalla scadenza del termine di presentazione del titolo.

Il protestato in questo caso viene inoltre inserito nell’archivio informatizzato degli assegni bancari e postali e delle carte di pagamento istituito presso la Banca d’Italia, con il conseguente divieto di emettere assegni per la durata di sei mesi.

Anche questa sanzione si potrebbe evitare dimostrando il pagamento dell’importo dell’assegno e degli interessi delle spese di protesto e della penale del 10%.

Entrando in queste banche dati sarà così difficile ottenere un finanziamento

Chi può richiedere Prestiti a Protestati

Da queste poche anticipazioni risulterebbe abbastanza chiaro che se ottenere un prestito può non essere semplice per chi ha una storia creditizia senza macchia, figuriamoci per i cattivi pagatori o per i protestati.

Ma quanto ciò detto non dovrebbe nemmeno indurti a pensare che non sia alcuna possibilità di ottenere dei soldi dalle banche e dalle finanziarie: pur con le dovute eccezioni del caso. Fermo restando che i cattivi pagatori hanno più chance di ottenere un finanziamento rispetto ai protestati c’è da dire che per questi ultimi possono essere una realtà che prende la forma di una cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

Leggi anche: Prestiti in Un’Ora

Caratteristiche dei prestiti per protestati

Siamo giunti cosi all’individuazione della forma di prestito che può essere ritenuta più opportuna per poter soddisfare le esigenze di colui che ha in mente di richiedere un finanziamento, essendo comunque protestato o cattivo pagatore: la cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

Ma di cosa parliamo?

Cosa è la cessione del quinto per protestati

La Cessione del Quinto Protestati è una tipologia di prestito personale non finalizzato che permette al richiedente di ottenere sino a 60mila euro con un tasso fisso, anche se è stato segnalato. L’ammontare della rata, costante per tutta la durata del finanziamento, non può eccedere un quinto dello stipendio ecco il nome di questa forma di prestito.

Proveremo adesso a scomporre e sviscerare quel che accade con la cessione del quinto, e le sue principali caratteristiche.

le fasi di richiesta di un finanziamento della cessione del quinto protestati

Come prima fase abbiamo la richiesta del prestito anche sei protestato ma hai bisogno di soldi, la tua situazione è comune a tanti altri. Girando ed acquisendo informazioni tra banche e finanziarie della tua zona ti permetterà di scoprire che una cessione del quinto può essere la giusta soluzione. Ti troverai una volta scelto, una serie di documenti, da dover compilare per la richiesta.

Come seconda fase troviamo la comunicazione quota cedibile, la banca provvederà alla richiesta della stessa, o al tuo datore di lavoro o all’ente pensionistico. Sempre la banca indicherà l’importo da trattenere in busta paga, o pensione.

La cessione del quinto, rappresenta per l’ente finanziatore una garanzia sufficiente per concedere dei prestiti anche ai protestati poiché è Una soluzione riservata solo ai dipendenti pubblici e privati e ai pensionati.

Dunque arriviamo all’Importo massimo di indebitamento; esso dipende dall’importo massimo dell’indebitamento mensile, pari a un quinto dello stipendio o della pensione netta. Dunque, non ti puoi indebitare per più del 20% di quello che prendi in busta paga o nel cedolino pensione.

Tasso e altre condizioni, le cessioni del quinto dello stipendio o della pensione sono spesso erogate con condizioni e tassi molto convenienti. La motivazione è ovvia: queste forme di finanziamento rappresentano una maggiore sicurezza per la banca, Assicurazione: il contratto di cessione del quinto è obbligatoriamente legato all’esistenza di assicurazioni che puntano a tutelare ulteriormente la banca, prevedendo le tutele nei confronti di premorienza o di disoccupazione.

Varie “forme” di prestito ai manifestanti

Prestiti a Protestati Dipendenti pubblici

Vediamo ora, in conclusione, di comprendere quali sono le principali forme di finanziamento attraverso la cessione del quinto dello stipendio. La prima, e più comune, è quella della cessione dello stipendio dei dipendenti pubblici: dipendenti di amministrazioni ed enti pubblici: regioni, province, comuni, società pubbliche, scuole, dipendenti ministeriali, forze dell’ordine e tanti altri ancora, possono facilmente ricorrere a questa forma di prestito, godendo di tutti i benefici.

Prestiti a Protestati Dipendenti privati

Si tratta di cessioni del quinto dello stipendio che vengono erogate con maggiore generosità dalle banche.

Anche in questo caso, il motivo è semplice: se sei protestato e lavori per una piccola società, il rischio che tu possa smettere di lavorare per crisi e conseguente licenziamento è maggiore rispetto a quanto non avverrebbe in caso di un dipendente pubblico.

Ovviamente, anche in questo caso ci sono degli importanti aspetti di distinzione, visto e considerato che di norma le banche possono trattare meglio i dipendenti delle grandi aziende, rispetto a quelli delle piccole imprese.

Prestiti a Protestati Pensionati

Infine i prestiti per protestati con cessione del quinto della pensione. Anche in questo caso, la banca si trova davanti a situazione ideale, che permetterà all’istituto finanziario di poter erogare la somma di denaro richiesta dal cliente pensionato, rifacendosi sulla trattenuta nel cedolino pensione.

Dubbi, domande? Chiedi tramite un commento e ti rispondiamo in giornata!

Prestiti a Cattivi Pagatori

Anche se in passato hai subito hai subito la segnalazione in banca dati, ad esempio Crif, con i prestiti a cattivi pagatori puoi comunque ottenere un finanziamento da utilizzare per realizzare tutti i progetti che vuoi, od affrontare le spese più impellenti.

Coloro i quali sono segnalati come cattivi pagatori o sono stati protestati possono con diverse formule che, in genere vengono erogati da società ed intermediari specializzati, ricevere del credito attraverso la cessione del quinto dello stipendio, il prestito delega oppure attraverso formule di prestito cambializzato.

prestiti a cattivi pagatori

Leggi anche: Prestiti senza busta paga

Chi sono i Cattivi Pagatori

I soggetti che non hanno pagato con puntualità una o più rate di un prestito, mutuo o altro tipo finanziamento, o che hanno emesso assegni scoperti vengono segnalati alla Centrale Rischi, sistema gestito dalla Banca d’Italia, che contiene tutte le informazioni sull’indebitamento dei clienti verso le banche o gli intermediari finanziari, così da valutare la loro storia creditizia.

I nominativi vengono immagazzinati per un lasso di tempo che varia, a seconda della gravità dell’inadempienza, da 12 a 36 mesi. In questo periodo, l’accesso al credito diventa difficile: al cattivo pagatore viene infatti associato un rischio di insolvenza elevato, così di conseguenza le banche tendono a respingere eventuali richieste di finanziamento.

Tipologie Di Prestito a Cattivi Pagatori

La cessione del quinto a cattivi pagatori

Diverse Società di intermediazione ed alcune banche prevedono, la possibilità, per poter erogare alcune tipologie di prestiti a cattivi pagatori che nello specifico possano assicurare un sicuro rimborso da parte del cliente.

Una tra queste è la cessione del quinto per cattivi pagatori. Tramite questa forma di finanziamento, che prevede la possibilità di restituire l’importo erogato attraverso la trattenuta delle rate direttamente nella busta paga o nel cedolino pensione infatti, si potranno ottenere prestiti anche per cattivi pagatori, perché lo stipendio del richiedente, qualora abbia una busta paga fissa, costituisce la garanzia sufficiente perché la banca conceda un prestito.

Si ricorda che per accedere a questa forma di finanziamento è necessario essere un lavoratore dipendente a tempo indeterminato o un pensionato o un lavoratore con contratto a tempo determinato, purché il debito venga estinto entro il termine di scadenza del contratto di lavoro stesso.

Prestito Cambializzato per protestati e cattivi pagatori

Questo tipo di finanziamento fa parte della categoria dei prestiti personali non finalizzati, cioè non direttamente collegati all’acquisto di uno specifico bene.

Il rientro della somma dovuta del finanziamento avviene appunto con il pagamento di cambiali. Queste avranno una periodicità mensile, per un massimo di 120 mesi. Le rate sono di importo costante e sono calcolate con un tasso fisso.

Essendo un titolo esecutivo hanno il vantaggio, per chi concede il finanziamento, di poter procedere al pignoramento dei beni del debitore qualora avvenisse un mancato pagamento delle rate.

  Prestiti Per Disoccupati

Leave a Reply